Un dispositivo utilizzato per confermare i tempi di entrata o di uscita.

Sviluppato dall’esperto di mercato Marty Zweig e prima discusso nel suo libro del 1985, Vincere a Wall Street, il sistema si basa

sul monitoraggio delle variazioni dei prezzi in entrambe le direzioni e che fanno una mossa, se e quando è stato raggiunta una percentuale

prestabilita dei cambiamenti.

Zweig ha preferito un 4% di movimento per la creazione dei segnali d’acquisto e di vendita, ma questa è una questione di giudizio

per ogni operatore.

Anche piccoli cambiamenti nelle ipotesi sottostanti possono causare un modello lavorare in modo meno efficace o addirittura di fallire del tutto.

Il ritracciamento del prezzo può anche essere basato sull’osservazione di come i prezzi si muovono e poi invertono,

o temporaneamente o per tornare a una tendenza prevalente.

Un ben noto sistema di rotazione percentuale (swing system) traccia il ritracciamento basandosi sulla sequenza di Fibonacci,

in cui vengono utilizzate le linee di tendenza per prevedere il movimento del prezzo e l’inversione.

 

PUNTO CHIAVE:

L’applicazione di una percentuale universale a tutti i titoli non è sempre un metodo accurato per la temporizzazione

delle operazioni.

Può essere necessario un aggiustamento in base ai livelli di volatilità del prezzo per il titolo,

contro la volatilità tipica tra gli altri titoli.

Un sistema di rotazione percentuale non deve essere considerato come solo mezzo per la temporizzazione dei contratti.

Tuttavia, si tratta di un eccellente strumento di conferma per altri indicatori di inversione, in particolare quelli che si trovano

in forti pattern (modelli) candlestick.

Il sistema di rotazione percentuale, insieme ad altri indicatori di tendenza e quantità di moto (momentum), è efficace nel migliorare

i tempi di entrata e di uscita basati principalmente su entrambi i metodi candlestick e occidentali.