Gli attributi delle candlestick sono caratteristiche e indicatori di tendenza che si trovano su ogni grafico a candele (Figura seguente).

Il valore di questa forma di creazione dei grafici si trova nel fatto che tutti i dati sui prezzi per una sessione sono facilmente identificabili a prima vista

e che la visualizzazione di una serie di sessioni aiuta i commercianti (traders) facilmente nell’identificare lo slancio, la direzione e l’inversione.

 

Gli attributi di ogni GRAFICO CANDLESTICK sono definiti in tre aree:

  1. Prezzo apertura e prezzo di chiusura. I prezzi di apertura e chiusura di ogni sessione si trovano ai confini orizzontali della scatola rettangolare per la sessione. Il prezzo di apertura è in fondo a una candela bianca o nella parte superiore di una candela nera. Il prezzo di chiusura è nella parte superiore di una candela bianca o sul fondo di una candela nera. La scatola rettangolare è chiamato il corpo reale. Quando l’apertura e chiusura sono identici o molto vicino, il corpo reale viene sostituito da una linea orizzontale. Questo tipo di formazione è tra le più rivelatrici candele di sessioni e si chiama doji (in giapponese, “doji” si intende “errore”).

2. Trading dall’alto verso il basso. La gamma di commercio completa (trading range) per ogni sessione è rappresentata dalle estensioni   superiori e inferiori del corpo reale. Questi sono chiamate l’ombra superiore e l’ombra inferiore (chiamati anche code o stoppini). La completa mancanza di ombra ha un significato in molte formazioni candlestick, ed un’ombra eccezionalmente lunga rivela anche un fallito slancio degli acquirenti (lunga ombra superiore) o venditori (lunga ombra inferiore), segnalando potenziale inversione del trend esistente.

3. Direzione esistente del movimento. Uno dei più potenti attributi visivi dei grafici candlestick è la capacità di vedere immediatamente la direzione generale nel quale il prezzo si sta muovendo.

Mentre grafici a linee e grafici OHLC rivelano la direzione attraverso la forma e la durata di ogni sessione, la tendenza a breve termine sui grafici a candele è individuata facilmente.

Una candela bianca rivela che la sessione si è spostata verso l’alto, e una candela nera rivela una sessione dal movimento verso il basso.

Punto chiave:

Ogni candela fornisce informazioni sui prezzi in tre aree principali: i prezzi di apertura e chiusura, trading range, e la direzione.

 

Un grafico a candela per 5 sessioni richiede i seguenti valori:

PREZZO

APERTURA

PREZZO

CHIUSURA

MASSIMO

GIORNALIERO

MINIMO

GIORNALIERO

5/1 31.75$ 34.00$ 36.00$ 30.00$
5/2 35.50$ 32.15$ 36.50$ 29.00$
5/3 33.00$ 28.50$ 33.50$ 28.00$
5/4 29.25$ 36.00$ 37.75$ 27.50$
5/5 36.75$ 35.50$ 37.50$ 29.00$

 

Gli attributi delle candele comprendono i prezzi di apertura e chiusura, il massimo e il minimo per la sessione, e la direzione (bianco per le sessioni verso l’alto e nero per le sessioni verso il basso).

Un grafico a candela per quei valori è mostrato nella Figura

 

L’importanza di Candele lunghe

Al di là delle caratteristiche rivelatrici di colore e le estensioni delle candele, la sua forma e le dimensioni sono ugualmente importanti.

Più lungo è il corpo reale, più lotta c’è tra acquirenti e venditori.

Candele così lunghe spesso segnalano la continuazione o l’inversione.

Quando il lungo corpo appare nella stessa direzione del trend esistente (bianco in uptrends o nero in downtrends) indica la continuazione.

Quando la lunga sessione è opposta, spesso serve come un segnale di inversione, da solo o come parte di un indicatore di inversione multisessione.

Questo è particolarmente vero quando la lunga sessione segna anche o tocca resistenza o supporto, o quando il prezzo rompe attraverso quei livelli e

poi si ritira (ritraccia).

Una forma di candela lunga è il Marubozu, che ha poca o nessuna ombra superiore o inferiore.

La mancanza di estensione sopra o sotto l’apertura o chiusura di sessione indica forza eccezionale nella direzione in cui la lunga sessione muove.

Questo rivela che parte (acquirenti o venditori) sono in controllo del movimento del prezzo e quale parte gestisce la quantità di moto

(slancio o momentum) nel prezzo.

 

DEFINIZIONE: Marubozu

“Marubozu” è una parola giapponese che significa “pochi capelli.”

Si tratta di una lunga candela con poca o nessuna ombra superiore o inferiore. Così significativa com’è una lunga candela,

la Marubozu è eccezionalmente rivelatrice; la mancanza di ombre identifica slancio e controllo su un lato o l’altro.

 

 

DEFINIZIONE: Doji

Il doji (in giapponese sta per “errore”) è una sessione in cui i prezzi di apertura e chiusura sono identici o molto vicini.

Anche se più breve delle candele medie segnala meno volatilità e anche consolidamento – una forma di “accordo” tra acquirenti e venditori,

un intervallo di sessione molto stretto (doji) può segnalare una maggiore volatilità.

 

Punto chiave:

Il significato della Doji (come il significato del Marubozu) è una questione relativa sulla base dei livelli di prezzo del titolo.

Ad esempio, uno spostamento di un punto di $ 80 in un titolo è un cambiamento del 1,25%, ma lo stesso cambiamento di un

punto in un titolo di $ 10 è una mossa del 10%.

Il contrario: Sessione dal range (gamma) molto stretto

Per quanto importanti le candele lunghe sono nell’identificare i problemi di moto (momentum) e di controllo tra acquirenti e venditori,

un diverso tipo di importanza è attribuita a sessioni molto brevi.

La sessione doji è quella in cui il corpo reale è talmente stretto che consiste solo di una linea orizzontale (prezzo identico o gamma molto stretta tra massimo e minimo).

 

Swing traders (commercianti swing) cercano il giorno a range stretto (NRD – narrow range day) come un importante punto di svolta in una

tendenza a breve termine.

La terminologia candlestick è differente, ma l’analisi riconosce lo stesso significato. Il doji è il nome della candela per la NRD.

Le ombre superiori e inferiori nelle sessioni doji variano e forniscono segnali diversi, non solo in base alla dimensione dell’ombra, ma anche dove

appare il doji nella attuale tendenza a breve termine.

Un doji potrebbe apparire come una croce (con le ombre sia superiore e inferiore) oppure contenere solo ombre superiori o solo ombre inferiori.

L’attributo più importante del doji è che indica una lotta molto stretto tra acquirenti e venditori.

Il fatto che nessuna delle due parti è stata in grado di muovere il prezzo fuori allo scoperto durante la sessione viene rivelata all’analista;

più movimento ombra si verifica all’interno della sessione, più importante diventa la Doji nel modo in cui l’attuale tendenza deve essere interpretata.

Il significato della candela – ampiezza (breadth) varia in importanza sulla base di sessioni che circondano il cambiamento.

Ad esempio, quando un doji si trova dopo un periodo di volatilità molto bassa, probabilmente non contiene un sacco di significato.

Tuttavia, quando segue un periodo molto volatile di sessioni con lunghe candele, lacune dei prezzi, e prove (test) di resistenza o di supporto,

un doji ha una maggiore significato, soprattutto se una o entrambe le sue ombre sono anche lunghe.

 

Attributi mancanti nell’analisi Candlestick

Nessuna forma di grafici è perfetta e, come tutti i tipi di grafici, anche i grafici candlestick hanno difetti.

Per capire veramente come l’azione dei prezzi di una sessione si è sviluppata e ciò che rivela, la sequenza degli eventi deve essere monitorata per tutta

la sessione (Figura seguente). Le candele mostrano l’intervallo tra apertura e chiusura, e la distanza tra massimo e minimo, ma non rivelano la

sequenza in cui ciò avviene.

 

Punto chiave:

Una sessione giornaliera è riassunta da una candela, ma questo non rivela la sequenza di variazione del prezzo nel corso della

giornata.

Per questo hai bisogno di grafici a più breve durata, perché la sequenza può essere che ci riveli come i prezzi aprono, chiudono,

e il massimo e minimo che raggiungono.

 

 

Questo è il motivo per cui ai graficisti piace confrontare le candele giornaliere con quelle di grafici con una durata a  maggiore frequenza,

come ad esempio grafici a un’ora o a 20 minuti.

Questi grafici a durata -più frequente- tracciano la sequenza della storia del prezzo per tutta la sessione, rivelando più azione del prezzo

e migliorando la temporizzazione d’ingresso e d’uscita (timing).

 

Punto chiave:

Molte variazioni nel sequenziamento sono possibili.

Studiando la sequenza di un giorno intero è probabile possa incidere sull’opinione di un commerciante (trader)

riguardo la quantità di moto (momentum), la volatilità, e la forza complessiva della tendenza.

Il cambiamento di una sessione può assumere molte forme.

Questo è illustrato nella figura precedente.

Il grafico a candele rivela una sessione in movimento verso l’alto con le ombre superiori e inferiori moderate, ma che è la misura di ciò che rivela.

In variante A, il prezzo di sessione scende al minimo del giorno, si sposta verso il massimo, e si ritira alla chiusura.

In variante b, il prezzo si muove prima alla elevata, si ritira al minimo, e poi sale al prezzo di chiusura.

Nella variazione finale C, il prezzo si muove verso l’alto e verso il basso in una serie di scambi che rivelano una lotta più robusta tra acquirenti e

venditori.

Con questi 3 esempi di possibili sequenze del prezzo durante il giorno (e tenendo presente che molte altre varianti sono possibili), è chiaro che la

sintesi della sessione giornaliera non rivela tutto ciò che un commerciante (trader) potrebbe aver bisogno di sapere.

La soluzione al problema del sequenziamento nascosto è quello di combinare l’analisi della sessione giornaliera con grafici intraday di durata

variabile.

Questo permette al trader di vedere quanto velocemente il livello dei prezzi cambia e quanta volatilità è in atto, fattori che sono suscettibili

ad essere invisibili nella candela che riassume il commercio dell’intera giornata (candela daily).