Il riferimento a candele giapponesi come base per l’analisi del grafico, tracciamento di tendenza, e l’identificazione di indicatori

di continuazione o di inversione.

Le candele tendono a creare modelli identificabili sulla base di una serie di trading range,  lacune (gaps), e ampiezza.

In confronto, gli indicatori occidentali si basano su modelli creati da gamme di movimento dei prezzi.

La metodologia orientale (candlestick-based) è più efficace quando gli indicatori specifici di prezzo, sono impiegati in

conferma-incrociata, con indicatori occidentali sulla base di modelli grafici più ampi.

I due in combinazione forniscono non solo la conferma o la contraddizione di ciò che l’uso di uno degli indicatori indica,

come la prossima tappa in una tendenza, ma aumentano anche il riconoscimento generale delle tendenze, la continuazione o inversione,

quantità di moto (momentum), e la volatilità.

 

PUNTO CHIAVE:

Metodi orientali – candlesticks, sono state tracciate secoli fa per il monitoraggio futuro del riso in Giappone.

La tendenza moderna è quella di combinare metodi orientali con metodi occidentali per ampliare e

migliorare le tecniche di conferma.

 

Segnale d’ingresso

Qualsiasi indicatore che sta indicando inversione di una precedente tendenza o l’apertura di una nuova, utilizzato quando

un operatore non è in una posizione aperta e cerca il segno che è il momento giusto per creare una nuova posizione.

Commercianti swing (swing traders) e commercianti di giorno (daytraders) cercano un inserimento (entrata) basato

sulla reazione eccessiva del prezzo alle notizie e gli sviluppi immediati, riconoscendo che i movimenti di prezzo a breve termine

tendono a mettersi in pausa e a ritirarsi nel giro di poche sedute.

La reazione intermedia presenta molte opportunità di ingresso.

Molti sistemi sono utilizzati dagli operatori per temporizzare l’entrata in entrambi le posizioni lunghe o corte.

Questi includono l’uso di ordini stop-loss al momento dell’entrata.

Una posizione commerciale (trade) può anche essere lasciata aperta per cavalcare il trend utilizzando un trailing stop.

Un altro sistema di ingresso mescola l’entrata con i tempi di uscita.

Ad esempio, la regola del 50% indica che una volta che una posizione guadagna una percentuale predeterminata di profitto,

una metà di una posizione lunga (long) viene venduta, o metà di una posizione corta (short) viene acquistata per chiuderla.

 

PUNTO CHIAVE:

Non esiste un unico segnale di entrata o un sistema utilizzato dai commercianti (traders) per temporizzare gli scambi.

La caratteristica importante del movimento del prezzo è quella di riconoscere che il prezzo d’entrata

non è un punto di partenza, ma il prezzo corrente in un arco temporale di più lungo periodo.

Un terzo sistema si basa su un’azione di ampie fluttuazioni ripetitive e insolitamente forti.

Ad esempio, se in un titolo vi sono lacune – gaps – in una direzione per tre volte in cinque sedute consecutive, un operatore può aspettarsi

qualche azione di riempimento e farà ingresso nella direzione opposta delle lacune.

Se una posizione aperta presenta lo stesso tipo di movimento-gapping in una direzione desiderata, sarà preso come segnale di uscita

sulla base della stessa logica e l’aspettativa di inversione.

 

Segnale d’uscita

Qualsiasi sistema, indicatore o metodo applicato dai commercianti (traders) per identificare quando uscire da una posizione aperta.

Molti segnali di uscita utilizzano indicatori di candela, da soli o come conferma per altri punti di svolta tecnici.

Un metodo per la creazione di un’uscita è attraverso l’uso di ordini specializzati come un ordine di stop loss

(o trailing stop, una variazione dello stop loss).

Ciò automatizza l’azione di uscita della posizione, anche se effettiva l’esecuzione può essere ritardata.

Di conseguenza, l’azione inizia in un punto determinato di prezzo, ma non garantisce che l’operatore chiuda la posizione al prezzo desiderato.

Se il prezzo di un titolo sta cambiando rapidamente, significa invariabilmente che il volume ordinario è alto,

quindi un ordine di stop loss può essere ritardato nell’esecuzione.

Un altro sistema prevede la chiusura di parte di una posizione, al fine di prendere i profitti, lasciando il resto della posizione aperta,

nella speranza che i profitti supplementari saranno guadagnati in un futuro movimento dei prezzi (o che prendendo parte degli utili,

le perdite future sono ridotte al minimo).

La forma più affidabile di ordine di uscita è l’uso di pattern di prezzo per identificare cambiamenti nella quantità di moto (momentum).

Decine di indicatori candlestick forniscono ai commercianti segnali affidabili anticipando l’inversione.

Questi includono i modelli emergenti a causa del cambiamento della quantità di moto all’interno della tendenza attuale.

Quando si utilizzano gli indicatori candlestick di conferma-incrociata con altri segnali tecnici,

la temporizzazione d’uscita è notevolmente migliorata.

 

PUNTO CHIAVE: Vari segnali di uscita sono sviluppati e applicati dai commercianti e nessun sistema assicura

un buon tempismo. Trovare un metodo che migliora le percentuali è un obiettivo utile.

Indicazioni candlestick possono essere coordinate con l’avvicinamento del prezzo, il collaudo (test) o attraversando la resistenza,

o i livelli di supporto.

Questi confini di trading range possono servire sia come bersagli per prendere profitti o tagliare le perdite; essi possono anche

essere usati per confermare punti di svolta trovati sia da indicatori candlestick o altri segni tecnici.

Tra questi ci sono quelli che sono associati con la resistenza e il supporto, come il movimento dei prezzi testa e spalle o doppio max/min.

Un breakout può portare ad un nuovo trading range, o può ritirarsi e riempire.

L’incertezza di una rottura nelle sessioni immediatamente dopo che ciò si verifica, fanno preziosi segnali di uscita, soprattutto se

possono essere confermati anche indipendentemente.

Un altro possibile risultato è il test dei confini con il fallimento, che la maggior parte dei tecnici vedono come un preludio al movimento

di prezzo nella direzione opposta.

Questo può anche servire come forte punto di uscita, soprattutto se il cambiamento nella quantità di moto (momentum)

è confermato da tipologie di candele (candlestick patterns).